Uno spettro di soluzioni

venerdì, 19 giugno 2020

Implementazione in loco o su cloud? È una scelta che potrebbe apparire netta. E invece tra queste due opzioni a prima vista esclusive esiste un mondo di opportunità.

Quante telecamere sono collegate a ogni server di registrazione, che potenza di calcolo occorre per l'elaborazione video e come bilanciare al meglio i requisiti di conservazione con la capacità di memorizzazione? Ecco alcune delle domande che si pongono quando progettiamo un sistema di video sorveglianza. A queste si aggiungono i requisiti specifici del cliente, l'hardware esistente e il budget disponibile, che complicano ulteriormente l’equazione costringendo gli integratori di sistemi ad affrontare problemi di progettazione molto complessi. Certo, la tecnologia oggi offre soluzioni che risolvono la maggior parte di questi problemi. Ma risolverli in un'installazione distribuita in più città, paesi o continenti è tutta un’altra cosa.

Diverse soluzioni oggi disponibili consentono di implementare e mantenere in loco sistemi federati e di grandi dimensioni. Una corretta implementazione locale offre certo una soluzione affidabile e sicura, ma rende i sistemi anche statici, perpetui e rigidi, e quindi più difficili da gestire a livello centralizzato. Con l'espansione geografica delle operazioni, l’esigenza di gestire centralmente il sistema spinge al limite le risorse hardware, di rete e di budget.

Il cloud computing ha introdotto nuove opportunità per il nostro settore. Lo stack tecnologico finora incorporato nei dispositivi, nei client e nei server, ora può essere sostituito con le risorse di computing e le applicazioni offerte dai fornitori di servizi Cloud e di servizi video software “as a Service” (vSaaS). In questo modo si elimina una gran parte degli attriti normalmente gestiti dagli integratori di sistema, e si ottiene un sistema elastico, dosato e flessibile.

Avendo due tecnologie a disposizione, la domanda che segue, inevitabilmente, è: in loco o cloud, qual è la soluzione ideale per ogni cliente? Dare una risposta univoca a questa domanda potrebbe forse semplificare il nostro modo di lavorare. Ma se pensiamo alle potenzialità offerte da queste tecnologie, le vere opportunità si collocano proprio nello spazio tra queste due opzioni. Implementazione in loco, implementazione cloud ibrida, servizi di Infrastruttura (IaaS), di Piattaforma (PaaS), o servizi Software (SaaS). Quale che sia la soluzione, una cosa è certa: per far incontrare il cliente giusto con la soluzione giusta bisogna prima capire la reale natura delle operazioni del cliente.

Ogni installazione di ogni cliente è un caso a sé. Alcuni cercano una soluzione elastica e facilmente scalabile, altri preferiscono una soluzione statica in cui il provisioning sia eseguito manualmente. È indispensabile discutere con il cliente le differenze e le similitudini tra le due tecnologie, per identificare il risultato desiderato e come raggiungerlo. Le discussioni sul livello di agilità, velocità, efficienza, scala, prezzo e capacità aiutano a mappare le esigenze del cliente e a capire come si colloca rispetto allo spettro di soluzioni disponibili: più vicino alla soluzione in loco o a un’implementazione cloud.


I sei volani del valore utilizzati per mappare le esigenze dei clienti e pianificare l’utilizzo del cloud.

Il cloud computing offre grandi opportunità. Sistemi che fino a poco tempo fa offrivano una sola opzione di implementazione, ora possono essere implementati in più modi, in base alle tue decisioni. Ampliando le tue competenze con nuove opzioni di implementazione potrai espandere il business, ottimizzare i servizi e offrire ai clienti nuove esperienze d’uso.

Oltre a XProtect con implementazione in loco, Milestone Systems oggi offre anche un'alternativa di distribuzione cloud, con XProtect eseguito su Amazon Web Services (AWS). Ulteriori informazioni sulla soluzione e sui nostri corsi online gratuiti sono disponibili sul nostro sito Web.

Scopri di più visitando www.milestonesys.com/xprotect-on-aws